Analisi Ambientali

L’attività del laboratorio di analisi chimiche, ambientali e microbiologiche CPG nel campo dei controlli propone una vasta gamma di interventi. Il laboratorio è, infatti, in grado di analizzare campioni di differenti origini e caratteristiche. Il campione può essere prelevato dal nostro personale specializzato con idonea strumentazione, anche per l'esecuzione di misure sul campo, contenitori e supporti specifici oppure può essere consegnato direttamente dal cliente presso la nostra sede.

Analisi Acque

L’attività del laboratorio di analisi chimiche, ambientali e microbiologiche CPG nel campo dei controlli sulle acque propone una vasta gamma di interventi. Il laboratorio è, infatti, in grado di analizzare campioni di acque di differenti origini e caratteristiche. Il campione può essere prelevato dal nostro personale specializzato con idonea strumentazione, anche per l'esecuzione di misure sul campo, contenitori e supporti specifici oppure può essere consegnato direttamente dal cliente presso la nostra sede.
Per tutte le tipologie d’intervento CPG offre l’eventuale redazione di relazioni periodiche relative alle variazioni delle concentrazioni dei valori analitici nel tempo, corredate di tabelle riassuntive e grafici.

Analisi eseguite:

Acque di falda prelevate dal sottosuolo
Acque di falda prelevate dal sottosuolo, soprattutto nel corso di lavori di caratterizzazione e bonifiche in ottemperanza al D. Lgs. 03/04/06 n° 152 parte 4° - tab. 2 che regolamenta i valori di concentrazione limite accettabili nelle acque sotterrane (SCARICA LA NORMATIVA).
Acque di scarico in superficie
Acque di scarico in superficie, in fognatura e in impianto di depurazione in ottemperanza al D.Lgs. 03/04/06 n°152 parte 3° Allegato 5 Tabella 3 che regolamenta i valori limite di emissioni in acque superficiali e in fognatura (SCARICA LA NORMATIVA).
Acque potabili
Acque potabili, di pozzo e di sorgente in ottemperanza al Decreto Legislativo 2 febbraio 2001, n° 31 che disciplina il campo delle acque potabili e definisce i parametri e i criteri secondo i quali un’acqua puo’ essere definita potabile (SCARICA LA NORMATIVA ).
Acque di piscina
Acque di piscina in ottemperanza all’Accordo Nazionale del 16/01/2003 che regolamenta la costruzione, la manutenzione, e la vigilanza delle piscine a uso natatorio (SCARICA LA NORMATIVA).
Acque di processo
Acqua di alimentazione per le caldaie, acqua di raffreddamento per scambiatori di calore o motori o per diluizione di prodotti chimici.
Acque di percolato e sottotelo all’interno delle discariche
Acque di percolato e sottotelo all’interno delle discariche interessate da un piano di monitoraggio, in base al Decreto Legislativo 13 gennaio 2003, n. 36 (SCARICA LA NORMATIVA) o all'Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) di riferimento.
Acque di balneazione
Acque di balneazione (SCARICA LA NORMATIVA) e acque superficiali.
Acque minerali in bottiglia.
Acque minerali in bottiglia.

Aria: Emissioni e Immissioni

Nel campo specifico delle emissioni e delle immissioni il laboratorio analisi chimiche e ambientali CPG ha acquisito negli anni una notevole esperienza ed è stata una delle prime strutture autorizzate dalla Regione Liguria “a svolgere compiti tecnici inerenti al controllo delle emissioni ed al rispetto degli standard di qualità dell’aria” (ex art.17 L.R. 12/04/85 n°11).

Per quanto riguarda le emissioni in atmosfera, i nostri tecnici sono in grado di effettuare rilevazioni e misurazioni di fumi, gas e particelle emesse da camini, ciminiere e condotti di aziende attive nei settori più svariati: dal piccolo artigiano alla grande industria chimica, dalla media industria di produzione fino alle discariche.

Nel campo delle immissioni svolgiamo attività di campionamento e misure in continuo, anche con mezzi mobili, per determinare la qualità dell’aria e degli ambienti di lavoro, sia interni che esterni. Una volta in laboratorio i campioni vengono analizzati per verificare il rispetto dei limiti di legge, che variano naturalmente in base al tipo di attività e alla normativa nazionale e regionale. Sono oggetto di particolare attenzione i valori riferiti a sostanze che possono costituire pericolo per la salute pubblica o dei lavoratori, come polveri, metalli, amianto, benzene e diossine.

Analisi degli odori

L’interesse verso il problema delle emissioni odorigene si è andato accentuando in questi ultimi anni. Sebbene un ambiente in cui sono presenti fonti odorigene non sia in genere pregiudizievole per la salute, esso può rappresentare un fattore di stress fisiologico per la popolazione interessata.

Al fine di fornire un controllo a 360° sull’impatto odorigeno, sulle possibilità di mantenerlo monitorato e, ove possibile, sulla sua riduzione, C.P.G. Lab propone un percorso che prevede analisi odorimetriche ed analitico-strumentali delle fonti con proprietà osmogene.

Il percorso identificherà le diverse fonti attraverso analisi sensoriali di olfattometria dinamica e, con l’analisi chimica, avvierà un approfondimento sui composti odorigeni presenti. Questa valutazione sarà di garanzia per il cliente che le emissioni, anche qualora siano percepite dalla popolazione, seguano le indicazioni legislative.

Di seguito sono descritti i punti principali di un piano di controllo standard, che potrà poi essere rielaborato in base alle specifiche esigenze di ogni Committente:

  1. Studio dell’insediamento produttivo
  2. Definizione del piano di monitoraggio
  3. Valutazione dei possibili composti odorigeni
  4. Esecuzione dei panel test
  5. Analisi chimiche delle sorgenti osmogene
  6. Monitoraggio in continuo
  7. Relazione conclusiva

Le analisi sensoriali di olfattometria dinamica verranno eseguite attraverso panel secondo la norma UNI EN 13725.

Terminate le identificazioni e le caratterizzazioni delle fonti e delle aree emissive potrà sarà effettuato, mediante installazione di un naso elettronico, un monitoraggio in continuo 24 ore su 24 in una posizione del sito ritenuta significativa per un periodo da valutare.

Sarà quindi possibile evidenziare ed identificare le fonti di dispersione in funzione del tempo e delle variazioni di velocità e direzione del vento.

Infine verrà proposto un programma di controllo nel tempo dei valori emissivi attraverso un monitoraggio o, ove possibile, con sistemi fissi presso la struttura o sito interessati.

Emissioni in atmosfera

Pratiche autorizzative, campionamento e analisi

Tutte le aziende che producono emissioni in atmosfera hanno l’obbligo di essere autorizzate secondo il Decreto Legislativo del 3 aprile 2006, n. 152 tramite procedura ordinaria o semplificata, nei casi in cui:

  • Venga installato un nuovo impianto (Art. 269 comma 2);
  • Venga spostata la sede dove si trova l’impianto (Art. 269 comma 2);
  • Si intenda modificare l'impianto in modo sostanziale rispetto al progetto originario (es.aumento della portata autorizzata e/o delle concentrazioni).
  • C.P.G Lab offre al cliente un servizio completo, garantendo la necessaria assistenza nel corretto e completo adempimento dell’iter autorizzativo e di autocontrollo. Personale tecnico specializzato nel settore segue il cliente nell’ invio delle domande, predisponendo la documentazione prevista sia per le autorizzazioni ordinarie che per quelle semplificate.

    Il laboratorio CPG offre naturalmente il successivo campionamento dei fumi prodotti dagli impianti, con idonea strumentazione, effettuando gli autocontrolli stabiliti dalla Provincia di appartenenza dell'azienda. I campioni prelevati vengono poi analizzati in laboratorio, con la consegna al cliente del rapporto di prova finale relativo agli esiti analitici.

    pollution-87684_1280

    Analisi Terreni: materiali destinati a ripascimento, fanghi Caratterizzazioni e Bonifiche

    Il laboratorio CPG Lab esegue determinazioni chimiche e microbiologiche su svariate tipologie di terreno: terreni da sondaggio e da scassi (per maggiori dettagli accedi alla sezione dedicata , sedimenti, terre e rocce da scavo, terreni agricoli, materiali destinati al ripascimento delle spiagge.

    La caratterizzazione è una vasta e complessa attività volta a definire le caratteristiche e le peculiarità di zone potenzialmente inquinate da sottoporre ad un’eventuale bonifica.

    Un’opera di caratterizzazione inizia con un’intensa attività sul campo. Si prelevano e analizzano terreni derivanti da scavi e carotaggi, materiali da demolizione e acque da piezometro. Il laboratorio analisi chimiche e ambientali CPG ha maturato notevole esperienza in questo settore, operando attivamente in numerosi cantieri, non solo in Liguria e nord Italia, ma anche in Sardegna e nel Lazio. La presenza dei nostri tecnici durante le operazioni di prelievo e misure è infatti fondamentale per garantire per prima cosa la rappresentatività dei campioni da analizzare e successivamente la qualità, la correttezza e la tempestività del nostro intervento analitico in laboratorio.

    Per garantire al cliente un servizio completo collaboriamo con società di perforazione e geognostica di nostra fiducia, dotate della strumentazione necessaria per effettuare campionamenti corretti. Tra le operazioni di caratterizzazione e bonifica seguite dal nostro laboratorio, una delle principali è senza dubbio quella del sito Ex-ACNA di Cengio (SV).

    Analisi eseguite:

    Analisi terreni agricoli

    Il documento di riferimento normativo per le metodiche di campionamento e di analisi dei terreni ad uso agricolo è il D.M. 13/09/99 ("Approvazione dei metodi ufficiali di analisi di chimica del suolo" ) il laboratorio di analisi chimiche-ambientali CPG offre ai clienti il servizio di campionamento e le successive analisi del terreno, siano esse destinate alla caratterizzazione agronomica del suolo piuttosto che mirate a valutarne l’eventuale possibilità di ricevere fanghi o altri residui non pericolosi idonei allo spargimento per fini agronomici.

    La valutazione della capacità di un terreno a ricevere fanghi di depurazione e/o residui non pericolosi per fini agronomici è regolamentata dal D.Lgs n. 99 del 27/01/92 (“Attuazione della direttiva 86/278/CEE riguardante la protezione dell'ambiente, in particolare del suolo, in caso di utilizzazione dei fanghi di depurazione in agricoltura”) e dal DGR 2241 del 09/08/2005 della Regione Veneto (“Norme tecniche in materia di utilizzo in agricoltura di fanghi di depurazione e di altri fanghi e residui non tossico e nocivi di cui sia comprovata l’utilità ai fini agronomici" ).

    Il laboratorio di analisi chimiche e ambientali CPG Lab offre al cliente anche un’ampia gamma di analisi chimiche effettuabili sui terreni ad uso agricolo per definirne la caratterizzazione a livello agronomico, fondamentale per le successive fasi di concimazione

    Analisi su materiale da ripascimento arenili e spiagge

    Il DGR n°1446/2009 disciplina i criteri generali da osservarsi nella progettazione degli interventi regionali di ripascimento degli arenili.

    CPG Lab è un laboratorio intercalibrato e validato sia per quanto concerne la fase di campionamento che per quanto riguarda la fase analitica con l’Azienda Regionale per la Protezione dell’Ambiente Ligure (Arpal) secondo l’ istruzione operativa IOP-COQU-02-AR redatta dall’Arpal stessa in data 30/06/2009 e denominata “Interconfronto tra i laboratori coinvolti nelle operazioni relative ai ripascimenti”.

    Il test di interconfronto proposto da Arpal sostenuto e concluso dal nostro laboratorio con esito positivo all’inizio del 2010 aveva il significato di verificare la corretta applicazione sia delle procedure di campionamento che di quelle analitiche relative a materiali da ripascere da parte dei laboratori di analisi e di validarne tali operazioni.

    Il nostro laboratorio esegue inoltre tutte le analisi previste dal sopracitato decreto regionale relative sia alla compatibilità chimica che alla compatibilità microbiologica.

    Analisi su Fanghi destinati allo Spargimento in Agricoltura e al Compostaggio

    Il laboratorio di analisi ambientali chimiche e microbiologiche CPG effettua il campionamento e le analisi di fanghi destinati sia allo spargimento in agricoltura a fini agronomici che finalizzati al compostaggio.

    L’utilizzo dei fanghi di depurazione per uso agronomico è normato dal D.Lgs n. 99 del 27/01/92 (“Attuazione della direttiva 86/278/CEE concernente la protezione dell'ambiente, in particolare del suolo, nell'utilizzazione dei fanghi di depurazione in agricoltura) e dal DGR 2241 del 09/08/2005 della Regione Veneto (“Norme tecniche in materia di utilizzo in agricoltura di fanghi di depurazione e di altri fanghi e residui non tossico e nocivi di cui sia comprovata l’utilità ai fini agronomici”). La finalità di entrambi i decreti è quella di disciplinare l'utilizzazione dei fanghi di depurazione in agricoltura in modo da evitare effetti nocivi sul suolo, sulla vegetazione, sugli animali e sull'uomo, incoraggiandone nel contempo il corretto impiego; in particolare il DGR 2241 regolamenta, oltre ai fanghi di depurazione, anche l’utilizzo di residui non tossici e nocivi diversi dai fanghi per utilizzi agronomici.

    L’esperienza acquisita dagli operatori del laboratorio chimico-microbiologico permette a CPG di offrire al cliente un quadro completo di analisi in grado di soddisfare entrambe le normative fornendo un prodotto adeguato alle varie richieste.

    Caratterizzazioni e Bonifiche

    Per quanto riguarda l’analisi del terreno derivante da sondaggi, il laboratorio di analisi chimiche e ambientali CPG Lab da anni ha iniziato e continura a portare avanti un processo di aggiornamento continuo a livello di personale tecnico e strumentale che l’ha condotto ad accreditare “Accredia” tutti i parametri richiesti dalla normativa specifica “Testo Unico Ambientale D.Lgs. 152/06 parte IV allegato 5 tab.1” (Norme in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica dei siti inquinati).

    Le analisi effettuate su terreni provenienti da sondaggi eseguiti nel corso della caratterizzazione di siti inquinati, siano essi destinati ad uso residenziale/verde pubblico/privato (tabella 1 colonna A) piuttosto che ad uso commerciale/industriale (tabella 1 colonna B), assumono un ruolo di primaria importanza in quanto condizionano le opere di bonifica a venire e l’eventuale smaltimento dei terreni stessi qualora risultassero rifiuti.

    Il D.Lgs. 152/06 attualmente in vigore ha sostituito le precedenti disposizioni normative del D.M. 471 del 25 ottobre 1999 (Regolamento recante criteri, procedure e modalità per la messa in sicurezza, la bonifica e il ripristino ambientale dei siti inquinati, ai sensi dell’articolo 17 del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22, e successive modifiche e integrazioni) ma tutt’ora vi sono casi particolari, bonifiche in corso d’opera da diversi anni, che continuano ad utilizzare quest’ultimo come riferimento normativo; il laboratorio analisi chimiche e ambientali CPG Lab effettua analisi come previsto sia dal vecchio che dal vigente regolamento in materia.

    CPG è in grado di offrire al cliente, oltre alle analisi su terreni e acque (per le analisi sulle acque accedi alla sezione dedicata, clicca qui) specificate nelle normative sopra citate, anche tutta una serie di analisi chimiche, fisiche e microbiologiche su terreni ad uso agricolo o industriale volte alla caratterizzazione del terreno stesso piuttosto che alla determinazione di parametri utili per le analisi di rischio di un determinato sito, tra cui:

  • Analisi Granulometrica
  • Composti Organici Semivolatili (composti derivanti di aniline, nitrobenzeni, nitronaftaleni, nitrofenoli, cloronitroaniline, etc.)
  • Composti volatili (aromatici, alogenati, azotati,solventi vari, etc.)
  • Metalli
  • Acidi Solfonici Aromatici
  • Fitofarmaci Fosforati
  • Anioni e Cationi
  • Analisi spettrofotometriche varie (come ammoniaca, azoto nitroso, etc.)
  • Carbonio Organico Totale
  • Fosforo Totale
  • Azoto Totale
  • Speciazione Madep
  • Composti OrganoStannici
  • Analisi Microbiologiche (salmonella, coliformi totali e fecali, streptococchi fecali, etc.)