Classificazione rifiuti: il nuovo Regolamento Ue n.2017/997 sull’ecotossicità (HP14)

COMUNICAZIONE IMPORTANTE
28 giugno 2018
Importante: comunicazione orari agosto
27 luglio 2018

Classificazione rifiuti: il nuovo Regolamento Ue n.2017/997 sull’ecotossicità (HP14)

Ricordiamo che dal 5 luglio 2018 trovano applicazione i nuovi criteri per l’attribuzione della caratteristiche di pericolo “HP 14 Ecotossico”, introdotti dal Regolamento Ue n.2017/997 in vigore dal 4 luglio 2017 mediante la modifica dell’allegato III alla Direttiva 2008/98/CE.

L’Allegato III Direttiva 2008/98/CE sui rifiuti era stata già stato revisionato completamente con l’entrata in vigore del Regolamento UE n.1357/2014. Tale normativa stabiliva i nuovi criteri da seguire per l’attribuzione delle caratteristiche di pericolo di un rifiuto. La sola caratteristica di pericolo che non era stata modificata era però l’ “HP14 “Ecotossico”, poiché si era ritenuto che le conoscenze per la sua valutazione dovessero essere approfondite.

Il nuovo regolamento n. 997/2017, valido in tutti gli Stati Membri a partire dal 5 luglio 2018, stabilisce che se ad un rifiuto viene attribuita la caratteristica di pericolo “HP 14 Ecotossico” esso presenta o può presentare rischi immediati o futuri per l’ambiente. Vengono quindi identificati nuovi criteri per l’attribuzione di tale caratteristica di pericolo, nuovi valori limite e soglia di concentrazione per le sostanze contenute nel rifiuto e classificate come pericolose per l’ambiente acquatico o per lo strato di ozono.

UN RIFIUTO FINO AD OGGI CLASSIFICATO COME NON PERICOLOSO con applicazione dei criteri ADR (come stabilisce la Legge 125/2015) POTREBBE essere invece classificato e ritenuto pericoloso HP14 Ecotossico secondo i nuovi criteri del Regolamento 997/2017.